Curriculum associativo

Nel 2010 l’associazione ha realizzato una visita narrativo – sensoriale alla cittadella monastica di Orsola Benincasa; seguita da una visita drammatizzata, incentrata sulla figura di questa “bizzoca” del seicento napoletano, che ha permesso  la scoperta a stazioni dei più riparati luoghi della clausura monastica e dello splendido chiostro maiolicato, della seicentesca chiesa dell’Eremo e del Museo dell’Opera universitaria. Una guida e due attori hanno recitato citazioni tratte dall’archivio del monastero e hanno fatto conoscere ai visitatori Orsola Benincasa e i luoghi che grazie a lei sono ancora oggi una testimonianza della pratica claustrale del Seicento napoletano e della religiosità controriformata. In questa specifica occasione è stato indagato il particolare rapporto instaurato dalla venerabile bizzoca con la Napoli della Controriforma e dei neonati quartieri spagnoli con l’intento di ricollegare la memoria del luogo esplorato con la storia del tessuto cittadino soggiacente.

La visita drammatizzata “’E sante russe a Mergoglino”, inserita dal Comune di Napoli nella programmazione di Natale 2011,  si è svolta a Mergellina, alla scoperta della storia della Chiesa di Santa Maria del Parto: la rievocazione della vita e delle opere di Jacopo Sannazaro, lì sepolto in un michelangiolesco mausoleo, si è accompagnata alla rievocazione della storia dell’antico borgo di Mergoglino con l’ausilio dei testi di Benedetto Croce, Matilde Serao e Jacopo Sannazaro. Il filo rosso che ci ha guidati nella narrazione è stato in questo caso il mitologema della sirena Partenope che, arricchito nel tempo da elementi propri della cultura partenopea, dà origine al mito, da Omero sino a Matilde Serao.

A seguire la partecipazione al Maggio dei monumenti 2012, organizzato dal Comune di Napoli, con un itinerario nelle viscere del borgo dei Vergini e della Sanità fino al Cimitero delle Fontanelle.

Nel settembre 2012 l’associazione ha preso parte alla manifestazione di valorizzazione della collina di Capodimonte La Collina Gentile organizzata dalla III Municipalità di Napoli e patrocinata dal Comune di Napoli, proponendo l’ itinerario tematico  La passeggiata del Re.

Ottobre 2012: il programma di iniziative, volte alla riscoperta del Castel dell’Ovo e dell’Oasi naturalistica del Monte Nuovo, Ottobre in loco, con visite storico-evocative e escursioni storico-naturalistiche.
Partecipazione dell’associazione al Laboratorio esperienziale – Teatro sociale condotto dal prof. Alessandro Pecini alla Facoltà di Scienze dell’Educazione dell’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa.

Novembre 2012 : programma di iniziative incentrato sulla scoperta delle risorse antropologiche e della storia religiosa della città di Napoli con la creazione del percorso La Valle dei Morti (Cimitero delle Fontanelle e Basilica di Santa Maria della Sanità) e Monache e Madri (storia delle donne e della religiosità femminile nel centro antico dal XVI al XVIII secolo)

Dicembre 2012/Gennaio 2013 :  partecipazione al Programma Natale a Napoli 2012, sezione visite guidate, promosso e patrocinato dal Comune di Napoli con un calendario di 10 appuntamenti aventi come tema Maternità e Natività tra arte, cultura e tradizione dal nome STORIE DI DONNE E FIGLI D’ ’A MADONNA.
Collaborazione con il Gruppo polifonico e strumentale  La Coriola per la visita-concerto Natale alla Chiesa del Gesù delle Monache.

Febbraio 2013:  calendario “febbraio in loco” con le visite narrate storico/evocative “Ville di delizie e di poeti: l’antico complesso di Stabia” e “Il carnevale napoletano: una festa aristocraticamente popolare”.                                                                        Adesione alla “Giornata internazionale della guida turistica” con la visita gratuita storico-artistica “Al centro con il cuore: Napoli tra poeti santi ed artisti”.

Marzo 2013 : Partecipazione alla manifestazione Marzo Donna 2013 -Lavoro,Cultura e Differenza”, promosso e patrocinato dal Comune di Napoli e dall’Assessorato alle Pari Opportunità con una visita storica artistica e naturalistica volta al recupero  della memoria storica di figure di donne che hanno inciso fortemente sulla storia della cura del corpo e dell’anima a Napoli : Santa Giovanna Antida Thouret e la Venerabile Maria Lorenza Longo.

Aprile 2013 : visita gratuita  “Le parole di Cuma, tra miti ed eroi”, scelta direttamente dai soci tramite sondaggio,  in occasione del primo compleanno dell’ Associazione Locus Iste.

Maggio 2013 : partecipazione al “Maggio dei Monumenti 2013” ,patrocinato dal Comune di Napoli, con l’elaborazione di due itinerari narrati( “Toledo Fasti e Feste. Visita ai palazzi nobiliari dell’antica Toledo” ; “Storie di Donne e di Figlie d’ ‘a Madonna. La Real Casa della Santissima Annunziata”) ed un evento teatralizzato (“Orsola una Santa Viva”. Visita ai luoghi di Suor Orsola Benincasa”)  incentrati sul tema “Chiostri, Cortili e Sagrati”.

Giugno 2013: calendario “Giugno in loco” con le passeggiate all’aria aperta “Ville di delizie e di poeti. L’antico complesso di Stabiae”, “Le Parole di Cuma, tra miti ed eroi”, “Dalle Caverne della Terra. L’Oasi Naturalistica di Montenuovo”.

Settembre 2013: l’estate prosegue con locus iste e le sue passeggiate “Tutti al mare!” e “Il mare che bagna Napoli”.

Partecipazione ad “ArtLab 2013” Territori Cultura e Innovazioni. Lecce, 24-28 settembre 2013:   5 giorni di incontri, dibattiti, networking tra la comunità professionale della cultura, le imprese, la società civile, le amministrazioni pubbliche.

Ottobre 2013: partecipazione alla manifestazione di valorizzazione della collina di Capodimonte “La Collina Gentile”, organizzata dalla III Municipalità di Napoli, Proloco Capodimonte e Legambiente, col patrocinio del Comune di Napoli. Gli itinerari proposti sono stati:

“La strada verso la Reggia. Un nuovo “corso” per la storia”, visita guidata incentrata sulla storia del Ponte della Sanità, percorrendo dalla basilica di San Vincenzo alla Sanità fino allo Scalone del Niccolini.

“Sopra certi Monti…fuori dal Borgo”, narrazione e canto al convento di Santa Maria ai Monti alla scoperta dei luoghi del Venerabile Carlo Carafa. In collaborazione con “ACSMAM”-associazione culturale Santa Maria ai Monti ed il gruppo vocale e strumentale “La Coriola”.

Novembre 2013: in occasione de 2 novembre, giorno dedicato alla commemorazione dei defunti, locus iste affronta il tema della morte e del particolare rapporto che da sempre lega il popolo napoletano al concetto di aldilà proponendo le visite “La Valle dei Morti: il cimitero delle Fontanelle” e “Un corpo, un numero, una fossa. Il cimitero monumentale di Santa Maria del Popolo a Napoli”.

Novembre/Dicembre 2013: partecipazione al corso di formazione “METROART, la bellezza nei luoghi di transito” a cura di Metronapoli e Legambiente, cinque incontri con l’obiettivo di promuovere la cultura, l’arte e le bellezze della Napoli underground, per accrescere l’interesse della comunità nei confronti del proprio territorio e valorizzare il ricco patrimonio d’arte contemporanea conservato nelle stazioni di Metronapoli.

Dicembre 2013:  continua la collaborazione con Legambiente Neapolis 2000 e la III Municipalità di Capodimonte all’interno della manifestazione “Le passeggiate della Bellezza lungo la Collina Gentile”. L’associazione locus iste propone l’evento “Sopra certi Monti…fuori dal Borgo”, narrazione e canto al convento di Santa Maria ai Monti alla scoperta dei luoghi del Venerabile Carlo Carafa e la visita narrata “Come si “corrompe” un santo…il convento e la chiesa di Sant’Eframo Vecchio”.

Visite narrate incentrate sul tema del Natale, alla scoperta del presepe napoletano tra arte, fede e tradizione: “Il Presepe tra arte e fede. Arte presepiale e spiritualità napoletana alla Chiesa del Gesù Vecchio”; “Il Natale e oltre: le tradizioni di San Gregorio Armeno”; “Un esempio di barocco napoletano: la Chiesa e il presepe di Santa Maria in Portico“.

Gennaio 2014:  venerdì 24, sabato 25 e domenica 26 gennaio locus iste partecipa presso la sede del PAN – Palazzo delle Arti di Napoli  al Seminario di LEGAMBIENTE E PROTEZIONE CIVILE NAZIONALE
Il volontariato di protezione civile nella salvaguardia del patrimonio culturale in caso di calamità
50 CITTADINI E TECNICI DI LEGAMBIENTE PER SALVARE LE OPERE D’ARTE IN CASO DI TERREMOTI O ALTRE CALAMITA’

Febbraio 2014: la festa più popolare ed eccessiva del mese: il Carnevale, con le sue manifestazioni più trasgressive, violente ed imponenti della tradizione festiva partenopea, viene rivissuta nella visita “Le macchine da festa del Carnevale napoletano tra via Toledo e largo di Palazzo”.

Mentre invece su di un’altura di circa 800 metri, nella fiera terra irpina, locus iste organizza una giornata alla scoperta del carnevale e della tarantella montemaranese: passione, istinto, un’esplosione di energia, colori, danza e melodie, dove le maschere prestano il loro corpo alle divinità per allontanare spiriti e influenze negative. Patrocinato dal Comune di Montemarano.

Marzo 2014: in calendario le passeggiate tra storia, natura e arte con i percorsi narrati “Cara e buona Lucia mia. Parole d’amore e di naturale bellezza”: visita storico naturalistica tra i giardini e il museo di Villa Floridiana; “Al centro con il cuore: poesie e amori a Spaccanapoli”, “Sopra certi Monti…fuori dal Borgo”, narrazione e canto al convento di Santa Maria ai Monti alla scoperta dei luoghi del Venerabile Carlo Carafa e  “Come si “corrompe” un santo…il convento e la chiesa di Sant’Eframo Vecchio”.

Locus iste, in collaborazione con luOgo luNgo, presenta il primo progetto partenopeo che unisce shopping e cultura, due attività apparentemente così diverse ma così vicine in una città che per tradizione è la culla dei prodotti fatti su misura artigianalmente.

Nasce cosi, all’interno dell’antico e pittoresco borgo di Antignano, “Naples tour & Shop. Do as the locals“, un’ esperienza di shopping innovativo, che prendendo esempio da realtà come New York, Londra, Parigi, mescola la storia dei luoghi con l’attualità dei prodotti artigianali che si producono ancora oggi.

Parte la collaborazione tra locus iste e lo studio fotografico di Vincenzo Cositore e Mario Carotenuto. L’associazione locus iste  riserva ai suoi soci  uno sconto di 20 euro per partecipare al Corso di fotografia digitale, rivolto prevalentemente a principianti, neofiti e vecchi appassionati di fotografia analogica che desiderano accostarsi alla fotografia digitale. ll corso di fotografia digitale di base è articolato in 11 lezioni in aula 1 sessione in studio e 2 uscite fotografiche di cui una effettuata in un sito di particolare pregio storico e artistico con la presenza di uno storico dell’arte dell’associazione culturale locus iste.

Aprile 2014: in occasione de “la settimana della Bellezza“,   tanti eventi in tutta Italia organizzati da legambiente per raccontare la bellezza del territorio e il meglio del nostro Paese con visite guidate, escursioni, azioni di riqualificazione e di cittadinanza attiva, locus iste propone la visita narrata “Fuoco Sacro. Da Piazza Sant’Eframo Vecchia al Borgo di Sant’Antonio Abate”

Nella rassegna di eventi promossa dal Comune di Napoli PARTENOPE E L’AMMORE, in cui istituzioni ed associazioni culturali, singoli artisti e attori, lettori appassionati e professionisti han dato vita a un grande reading  cittadino di poesia, tutto dedicato a Partenope e il suo eros, locus iste propone la visita ‘e sante russe a Mergoglino dedicata a Iacopo Sannazaro e a quell’ammore grande che lo spinse a scegliere Mergellina come sua dimora. Napoli ,4 aprile 2014 – Chiesa  di Santa Maria del Parto a Mergellina

Locus iste partecipa alla Giornata di Studi MIMOS su Serious Games in Education. 9 aprile 2014 – Roma,  Facoltà di Architettura  “la Sapienza”.

Prima uscita con gli allievi del Corso di fotografia digitale dello Studio Cositore/Carotenuto: trekking fotografico con visita narrata dall’Oasi naturalistica di Montenuovo fino al Lago d’Averno.

Maggio 2014 : progettazione culturale e servizio di visite guidate per Atb Consulting s.a.s. , aggiudicataria del percorso numero 7 “Altri Luoghi di storie e leggende” del Maggio dei Monumenti – Storie e leggende napoletane – Benedetto Croce con il patrocinio del Comune di Napoli e Forum Universale delle Culture.

Visita guidata alla mostra Vetrine di Andy Warhol al Palazzo delle Arti di Napoli – Un americano a Napoli: un’introduzione ad Andy Warhol tra candore e provocazione.

Nell’ambito dell’iniziativa ” La Collina Gentile – Percorsi smart da Foria a Capodimonte”, a cura di Legambiente Neapolis 2000 e Pro–loco Capodimonte, locus iste partecipa alle domeniche ecologiche promosse dall’Assessorato all’Ambiente del Comune di Napoli per coinvolgere e sensibilizzare la cittadinanza su tematiche ambientali, cura del proprio territorio e della salute dell’individuo,  riappropriazione degli spazi urbani,  proponendo tre passeggiate.

In collaborazione con il comune di Castellammare di Stabia partecipa al “Maggio dei Monumenti – Castellammare d’Autore” con il progetto “Ville d’autore”. Visita narrata alle Ville romane di Stabia Antica, con il patrocinio del Comune di Castellammare di Stabia.

23 Giugno-26 Settembre 2014:   Mostra “FORME. Il tempo del gioielli” , a cura di ALSOLET, l’Associazione laureati in Lettere dell’Università Suor Orsola Benincasa e dell’ Associazione socio-culturale locus iste.

Il mondo narrativo della fotografia e quello voluttuoso e simbolico del gioiello si confrontano nel racconto dell’incontro con i luoghi dell’antica Cittadella monastica di Suor Orsola Benincasa.

I designer di gioielli Rosalba Balsamo, Rosita Caiazzo, Livio Pontieri, Leopoldo Repola e gli allievi del Laboratorio di restauro dei metalli diretto da Daria Catello espongono le loro creazioni impegnate in un dialogo di rimandi visivi con le architetture e le suggestioni, le formae, ad un tempo figura e stampo, foggia e modello, della Cittadella monastica che dalla fine del XVI secolo ospitò l’eremo e poi il convento di Suor Orsola Benincasa, ed è oggi sede di una prestigiosa Università. Un dialogo ancor più suggestivo perché riannodato attraverso gli scatti fotografici di Mario Carotenuto e Mattia Valerio.

All’interno della mostra FORME, dal 24 al 26 settembre 2014, il designer napoletano Antonio Petacca espone  la sua nuova collezione ispirata alle Scale di Napoli: SCALE DI NAPOLI, GIOIELLI DELLA CITTA’, in occasione dell’iniziativa promossa da Legambiente neapolis 2000 per la valorizzazione delle scale di Napoli.

Luglio 2014: in occasione dell’Evento “I palazzi degli spiriti – Fantasmi a Napoli: percorsi turistici e culturali tra sacralità ed esoterismo”, promosso dall’ Assessorato Cultura e Turismo del Comune di Napoli,  locus iste presenta la visita narrata accompagnata da “presenze” in costume: “Storie di magnifiche presenze sulla rampe di Pizzofalcone”.

Lungo le rampe Lamont Young fino alla sommità di Villa Carafa, ombre, presenze e fantasmi dal passato rivivranno sullo sperone tufaceo del Monte Echia in una vertigine secolare di storia che intreccia il mito alla realtà, la vita alla morte, le credenze alla leggenda.

Settembre 2014: in occasione della Manifestazione “Borghi Aperti”, promossa e ideata dallo studio legale SEC e della manifestazione enogastronomica e culturale MALAZE 2014 IX EDIZIONE, locus iste in collaborazione con lo studio legale Schiano di Pozzuoli, presenta:

-“Musica al borgo“: nell’incantevole scenario dela corte del “Condominio il Mulino” di Pozzuoli,  concerto di musica jazz del Beatrice Valente Trio”, mostre d’arte e di artigianato, degustazione di prodotti della locale enogastronomia e del nostro mare, in un’insolita ed accattivante fusione di tutte le anime della nostra terra.

-“Il borgo sul Lago”: passeggiate all’interno dell’oasi naturalistica di Monte Nuovo con la narrazione della memoria degli ultimi momenti dell’ antica cittadella medievale di Tripergole, scomparsa nel 1538 in seguito all’eruzione del Monte.

Rievocazione storica di spettacoli e di veri combattenti medievali in costume nella splendida cornice de “Il giardino dell’orco”.  Esposizione di numerosi e valenti artigiani, abili creatori di finissime opere, dal legno al cuoio, dalla stoffa alla ceramica, preziose oreficerie e molto altro ancora.

-“Voci dal borgo di Cappella Vecchia” : visita narrata nell’antico borgo di Cappella, dalle semplici case di pescatori di via Petrara al cuore dell’Impero Romano, attraversando la necropoli dei suoi uomini di mare e delle loro famiglie.

1-2 Novembre 2014: nell’ambito della due giorni di eventi promossa in onore di Antonio de Curtis dalla III Municipalità di Napoli e dal Forum Universale delle culture, l’Associazione socio-culturale “locus iste” svela gli aspetti meno editi dell’uomo e del personaggio Totò. Il suo rapporto con le proprie origini, con i luoghi che ne hanno visto gli esordi teatrali, con la città di Napoli, con la vita reale e la finzione scenica nel percorso narrato “Il principe e il poeta” all’interno del quartiere Sanità e in una docufiction in cui sarà la sua stessa gente, quella del rione dove è nato e vissuto, a raccontare attraverso testimonianze, aneddoti, ricordi, il principe De Curtis.

Dicembre2014/gennaio 2015: locus iste aderisce alla manifestazione promossa dal Comune di Napoli con il tradizionale appuntamento Natale a Napoli, proponendo due visite guidate a tema presepiale:

-Visita narrata alla Chiesa di Santa Maria in Portico e all’antico complesso presepiale, costituito da figure a grandezza umana in manichini lignei articolabili con le teste in “tela-plastica” realizzato da Pietro Ceraso nel 1647.

-Visita narrata alla Chiesa del Gesù Vecchio e al presepe di Placido Baccher, visitabile soltanto nel periodo natalizio, si compone di pastori a grandezza naturale rifacentisi alla scuola del Sammartino.

Partecipazione alla Notte d’arte al Centro Antico il 13 dicembre, organizzata dalla II Municipalità di Napoli e giunta alla III edizione, un’occasione per vivere il centro storico tra avvenimenti culturali ed eventi enogastronomici, con le visite:

– “Il gusto della memoria”, passeggiata narrata dalla Pignasecca a Piazza Carità con visita alla Chiesa dell’Arciconfraternita della SS. Trinità dei Pellegrini.

– “Dimora inquieta. La Cappella Sansevero e il Cristo Velato”, visita narrata alla dimora del Principe Raimondo di Sangro.

 In occasione della Manifestazione Luce su commercio e cultura al Vomero,
progetto di ‘Vomero Commercio e Cultura’e prodotto dalla CITELUM a cura di Simona Perchiazzi per scoprire con occhi nuovi il Vomero, centro commerciale ed animatore culturale, locus iste propone le visite narrate:

– “Cara e buona Lucia mia”, una passeggiata tra i viali del Parco della Floridiana dove tra una camelia ed un quercia si racconta la storia d’amore tra Re Ferdinando I, re Nasone, e la duchessa Lucia Migliaccio.

– “la Collina di luce e la Certosa in festa”, visita alla Certosa di San Martino, gioiello barocco di Napoli, e alle installazioni luminose di Sergio Fermariello e Riccardo Dalisi  a Piazza Vanvitelli e Via Scarlatti.

In occasione del periodo natalizio e allo scopo di valorizzare e promuovere il patrimonio dei percorsi verticali storici della città, in particolare scale e gradinate, locus iste partecipa all’iniziativa “Tu scendi dalla scale organizzata dal Comitato per il Recupero della Scale Storiche di Napoli, con un doppio appuntamento di visite narrate:

– “Dal borgo al mare. Calata San Francesco, la via che mena a Chiaia”,una passeggiata lungo Calata san Francesco, il tracciato principale del crinale occidentale della collina che partiva dal nucleo storico del borgo del Vomero per gettarsi sulla “plaja di Chiaia”.

– “Le scale del Liberty. Salti di quota tra sogno e natura”, tra una scala e l’altra palazzi, villini e torrette dello stile “floreale liberty” napoletano riecheggiano le voci di Scarpetta, Palizzi, Luigia Sanfelice e Ernesto Murolo.

Gennaio 2015: locus iste partecipa al progetto “Azioni a supporto ai Comuni impegnati nella gestione dei beni confiscati”, a cura dell’associazione LIBERA  e del Comune di Napoli.
13, 15 e 20 gennaio 2014, dalle h.9.00 alle h. 13.00 e dalle 14.00 alle
ore 16.00, per un totale di 18 ore formative.

Febbraio 2015: amore come luogo della memoria: le passeggiate di febbraio sono dedicate a questo tema, a ricordare i luoghi fisici come spazi dell’anima.

In occasione della Notte degli innamorati di Napoli, con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, locus iste organizza una passeggiata romantica tra i vicoli del Centro Antico: “Tutte le cose in Napoli dalle pietre al cielo sono innamorate”, l’amore raccontato dalle opere della Basilica di San Domenico Maggiore e della Cappella Sansevero. Le pietre antiche del centro storico ci svelano in una passeggiata serale gli amori lontani di cui sono state silenti testimoni e gelose custodi.

Locus iste omaggia Totò in occasione dell’anniversario della sua nascita con la passeggiata “Il principe e il poeta”, viaggio nei luoghi della giovinezza del principe de Curtis.

Marzo 2015: nel mese dedicato alle donne, locus iste propone un calendario di appuntamenti dal tema: “donne, madonne e sirene”. Dalla Madonna del Parto dell’omonima chiesa di Mergellina, alla sirena Partenope di Megaride, dalle orfane dell’Annunziata fino a conoscere le donne“innamorate di Dio” : senza intermediari se non loro sole, con il coraggio di professare se stesse, di difendere le dimensioni reali ed irreali del proprio mondo interiore, si rievoca la memoria di Giulia Gonzaga, Vittoria Colonna e Sancia di Maiorca passeggiando nei luoghi che le hanno viste protagoniste, animatrici spirituali della Napoli del Medioevo e del Rinascimento.

Aprile 2015: nuovi progetti e nuove collaborazioni per locus iste.

Dalla collaborazione con l’associazione Windfinders nasce: “Fabula Ardente: i Campi flegrei visti dal mare”. Partendo dal porto di Pozzuoli, un’intera giornata in barca a vela alla scoperta della storia di uno dei luoghi più affascinanti della Campania.

Presso l’antica “Cantina del Gallo” in via A. Telesino, 21 Napoli, si cena e si gioca alla ricerca dell’assassino del giallo a tinte fosche tratto dal romanzo di Annavera Viva, ”Questioni di sangue”, interamente ambientato nel rione Sanità.

Rivivono i luoghi e la memoria del Marchese di Villa Giovan Battista Manso di Scala, uno dei più illuminati gentiluomini napoletani del XVII secolo, grazie alla collaborazione tra locus iste e l’Associazione Megaride Art. Un itinerario narrato nel cuore del Centro Antico, dal grandioso tempio gotico di San Lorenzo Maggiore, che custodisce le sue spoglie mortali, fino al Complesso del Real Monte Manso di Scala in cui istituì la sua più grande opera, il Seminario dei Nobili. All’interno del Complesso, una Cappella creata per soddisfare le necessità spirituali dei seminaristi si caratterizza per la sua insolita posizione ad un piano alto, e precisamente sopra la Cappella Sansevero.

In occasione dell’Anteprima del Maggio dei Monumenti 2015 che il Comune di Napoli ha voluto dedicare alla celebrazione del poeta Giacomo Leopardi locus iste propone l’ itinerario “La passeggiata dei poeti”,che comincia dalla cosiddetta tomba del poeta di Recanati al Vergiliano sino alla Chiesa del “diavolo di Mergellina”, Santa Maria del Parto, custode del michelangiolesco sepolcro di Iacopo Sannazaro.

Maggio 2015: alla musica, tema cardine della XXI edizione del Maggio dei Monumenti intitolata “ ‘O core ‘e Napule | Cori, cuori e colori di Napoli ”e patrocinata dal Comune di Napoli, locus iste dedica una serie di eventi volti a promuovere l’interesse e la passione di ciascuno per il patrimonio naturale e storico-artistico della città, con un omaggio al poeta Giacomo Leopardi.

In particolare, l’itinerario “L’ultimo Leopardi e il popolo semibarbaro” ci condurrà attraverso una scenografica passeggiata da Sant’Elmo, il colle delle mortelle, al quartiere dei gelsi nel cuore di Montecalvario, verso Palazzo Cammarota una delle ultime residenze napoletane di Giacomo Leopardi, e la Basilica di Santa Maria Ognibene dei Sette Dolori.

Nell’ambito della 1 edizione di “Buongiorno Ceramica!” progetto nazionale che nei giorni 29, 30 e 31 maggio 2015 coinvolge 37 città di antica tradizione ceramica, l’Associazione locus iste in una straordinaria passeggiata sulla sommità della collina di Capodimonte tra viali alberati, giardini di delizie e costruzioni riservate agli svaghi reali, racconta la passione per la porcellana di re Carlo di Borbone e la storia della Real Fabbrica da lui voluta nella visita “Un sogno di porcellana: la chicchera di re Carlo”.

Sotto il patrocinio della III Municipalità Stella-San Carlo all’Arena di Napoli e in collaborazione con l’IPIA “Giovanni Caselli”.

Giugno 2015: in occasione della riapertura dei Sotterranei Gotici della Certosa di San Martino, locus iste propone un viaggio in una Napoli scomparsa: epigrafi,  lapidi e sculture che coprono un arco cronologico che va dal Medioevo al Settecento sono raccolte  nei suggestivi ambienti sotterranei che erano le antiche fondamenta trecentesche della Certosa, un’opera di portentosa ingegneria definita degna “della grandiosità della Roma imperiale”.

Luglio 2015: nell’ambito del progetto “La bisaccia del pellegrino: Francigena 2014, l’Europa a piedi verso Roma”, promosso dall’Associazione Civita e RadioRai, volto a valorizzare la Via Francigena del Nord, nel suo tratto da Aosta a Roma, attraverso un programma radiofonico itinerante e le tipicità agroalimentari riferibili al cibo “pellegrino”, locus iste partecipa alla giornata di presentazione di due prodotti editoriali: la pubblicazione “La bisaccia del pellegrino. Camminare di gusto lungo la Via Francigena” e l’ebook “Cammin scrivendo: scrittori sulla Via Francigena”, entrambi  editi da Marsilio Editori e Associazione Civita.

Mercoledì 8 luglio 2015 – ore 10.00 Associazione Civita – Sala “Gianfranco Imperatori” Roma, Piazza Venezia 11

Ottobre/novembre 2015: continuano le passeggiate all’ aperto di locus iste, a partire dal cuore della città con la visita “Un giorno a Neapolis”, un percorso nel cuore del centro storico per rivivere, con la memoria e la narrazione, una tipica giornata nella Neapolis delle origini. Dal centro alla costa flegrea conIl Parco Archeologico di Baia. Un centro di potere imperiale tra ozio e termalismo”, un’occasione speciale per rivivere la gloria di quello che fu non semplice strutturale termale ma un vero Palazzo Imperiale. Il percorso naturalistico “Vesuvio, passeggiando sul fiume di lava” ripercorre le orme dell’ultima eruzione del più famoso vulcano napoletano. Infine tappa in Irpinia con la visita “L’Abbazia del Goleto. Il lupo ai piedi del santo pellegrino”, sulle tracce di San Guglielmo, fondatore dell’Abbazia di Montevergine, che ammansì il lupo a pochi passi dalla sua tana pagana.

Dicembre 2015/gennaio 2016: un delitto, diversi possibili assassini, sedici concorrenti e un colpevole da trovare in “Questioni di sangue. Un giallo napoletano tra i vicoli della Sanità”: cena con delitto presso il locale “Taverna a Santa Chiara”.

Alla scoperta della parte più autentica di Pozzuoli con la suggestiva visita al  “Rione Terra. L’anima antica di Pozzuoli“.

locus iste partecipa alla manifestazione “Notte d’Arte a Napoli 2015”, tenutasi il giorno 12 dicembre e patrocinata dal Comune di Napoli, con la visita serale “Dimora inquieta. La Cappella Sansevero e il Cristo Velato“.

Partecipazione a “Natale a Napoli 2015”, la kermesse di eventi patrocinati dal Comune di Napoli inerenti al tema della Nascita, intesa come metafora del processo creativo in tutte le sue espressioni e nel senso più stretto del parto, le cui forme condizionano la vita dei singoli e raccontano l’approccio alla vita delle comunità.  Locus iste presenta per l’occasione le visite alla “Chiesa di Santa Maria del Parto a Mergellina: miracolo e leggenda nel borgo di Mergellina” e a “La Real Casa della Santissima Annunziata. Storie di donne e di “figli d’ ‘a Madonna“.

Febbraio 2016:  l’ Associazione culturale locus iste LUOGHI E MEMORIA insieme con gli alunni dell’Istituto Scolastico di Istruzione Superiore “A. Casanova”  di Napoli cura il progetto di alternanza “scuola-lavoro” Raccontami San Domenico.
Un esperimento di Storytelling dei Beni Culturali con l’ausilio di Nuove Tecnologie, competenze grafiche, media audio-video, drammatizzazioni, reading e comunicazione social  and web. Il progetto si è concluso il 20 febbraio 2016 con una visita speciale alla Basilica di San Domenico Maggiore a Napoli, una narrazione impreziosita dal contributo dei 19 studenti dell’Istituto Tecnico Casanova che ha sede proprio in un’aula dell’antico Convento Domenicano. Le loro voci e la loro creatività si sono unite alle  narrazioni di guide specializzate dando vita ad uno STATION DRAMA, dramma a stazioni di origine medievale, grazie al quale si è potuto rivivere con vecchie e nuove tecnologie le suggestioni di un luogo meraviglioso.

Aprile 2016:  visita narrata con interventi musicali al Castello di Gesualdo  (AV):  locus iste fa tappa in Irpinia sulle tracce del principe dei musici, il principe uxoricida. Carlo Gesualdo, prodigioso compositore di madrigali, abbandona Napoli da fuggitivo dopo aver assassinato sua moglie Maria d’ Avalos e l’amante Fabrizio Carafa e, attraverso boschi e sentieri impervi, trova rifugio nella dimora gesualdina.

Nell’ambito della Manifestazione LA LAMPADOFORIA, ALLE ORIGINI DI NEAPOLIS organizzata dall’Associazione I Sedili di Napoli Onlusle Associazioni locus  iste LUOGHI E MEMORIA  e Gruppo Storico Oplontino organizzano una visita animata con suggestioni in costume d’epoca nel Centro Antico con simulazione narrata di una tipica giornata in compagnia di un abitante di Neapolis.

Un percorso nel cuore del centro storico per rivivere, con la memoria e la narrazione, una tipica giornata nella Neapolis delle origini. Partendo da piazza Bellini, sul luogo delle mura poderose del IV secolo a.C., grazie alla simulazione narrata di un tipico abitante di quei tempi, Dione, si ripercorrono il decumano centrale di via Tribunali fino a raggiungere San Gregorio Armeno.

Maggio 2016: locus iste partecipa al Maggio dei Monumenti 2016 dedicato al trecentenario della nascita di re Carlo di Borbone e al Settecento musicale artistico e culturale con focus su Giovanni Paisiello a duecento anni dalla morte.

Le visite narrate proposte dall’Associazione locus iste sono un omaggio quindi alla figura di re Carlo e dei Borbone in generale, incentrandosi sia sui luoghi più rappresentativi, come gli itinerari: “La passeggiata del Re. Dalla Porta di Mezzo alla Porta di Miano. Carlo di Borbone e il Real Bosco di Capodimonte” e “Le ceramiche di Re Carlo e i folli amori di Ferdinando. Vita di corte in Villa Floridiana”; sia sull’analisi dei personaggi e i loro rapporti con la Napoli del tempo, come le visite “Carlo di Borbone e Raimondo di Sangro. Un’amicizia Reale. Da Piazza San Domenico Maggiore alla Cappella Sansevero” e “Ricordi di casa Borbone al Museo di San Martino”.

Settembre/ottobre 2016: locus iste partecipa alla XIII Giornata Internazionale del trekking urbano: nell’anno del Giubileo un cammino interiore.

Il trekking urbano è un nuovo modo di fare turismo, meno strutturato e lontano dai circuiti più conosciuti. Un turismo sostenibile e “vagabonding”, più libero e ricco di sorprese che privilegia gli angoli più nascosti e meno noti delle città d’arte italiane. Il trekker urbano, attraverso itinerari studiati da esperti, ha la possibilità di vivere un’esperienza di viaggio unica, coniugando la possibilità di immergersi nell’arte e nella natura, facendo sport.

Il percorso proposto dall’Associazione socio-culturale locus iste, dalla zona del Museo Acheologico di Napoli al Cimitero delle Fontanelle, è stata un’occasione per ricostruire le vicende urbanistiche che durante il Decennio francese hanno determinato la realizzazione di Corso Napoleone sul vallone della Sanità e le conseguenze che quest’opera ha avuto sul quartiere sottostante. Ma intende anche far emergere la secolare capacità di attrazione di questo luogo dove sopravvive l’anima più autentica della città partenopea, e dove tra i banchi tufacei del Cimitero delle Fontanelle, si può toccare, vedere e vivere l’inafferrabile devozione popolare che sfocia nella pietà per i morti.

 

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: