Forme. Il tempo dei gioielli

Colletto Scala dittico

Mostra del gioiello con narrazione fotografica

AVVISO IMPORTANTE: La mostra FORME. Il tempo dei gioielli è visitabile il mese di settembre 2014 nei seguenti giorni: giovedì 11, venerdi 12, giovedì 18, giovedì 25 e venerdi 26 dalle ore 10.00 alle ore 14.00. (per prenotare una visita guidata gratuita chiamare il numero: 3472374210). Il programma di visite è in aggiornamento, nuove date disponibili saranno aggiunte a breve.

 Il mondo narrativo della fotografia e quello voluttuoso e simbolico del gioiello si confrontano nel racconto dell’incontro con i luoghi dell’antica Cittadella monastica di Suor Orsola Benincasa in procinto di divenire “Patrimonio dell’Umanità” certificato dall’Unesco “come paesaggio e patrimonio culturale che conserva un ruolo sociale attivo nella società contemporanea”.

È questa la suggestiva miscela artistica che anima la Mostra “FORME. Il tempo del gioielli” che è stata inaugurata Lunedì 23 Giugno alle ore 17 al Piano Mostre dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli. Il taglio del nastro sarà affidato a Lucio d’Alessandro, Rettore dell’Università Suor Orsola Benincasa, Lucilla Gatt, presidente di ALSOB, l’Associazione Laureati al Suor Orsola, e Mario Grimaldi, presidente di ALSOLET, la sezione Laureati in Lettere di ALSOB.

Fino al 26 settembre (con ingresso gratuito) i designer di gioielli Rosalba Balsamo, Rosita Caiazzo, Livio Pontieri, Leopoldo Repola e gli allievi del Laboratorio di restauro dei metalli diretto da Daria Catello esporranno le loro creazioni impegnate in un dialogo di rimandi visivi con le architetture e le suggestioni, le formae, ad un tempo figura e stampo, foggia e modello, della Cittadella monastica che dalla fine del XVI secolo ospitò l’eremo e poi il convento di Suor Orsola Benincasa, ed è oggi sede di una prestigiosa Università. Un dialogo ancor più suggestivo perché riannodato attraverso gli scatti fotografici di Mario Carotenuto e Mattia Valerio.

La mostra a cura di Désirée Risolo, Pamela Palomba e Annamaria Cuomo, soci di ALSOLET, l’Associazione laureati in Lettere dell’Università Suor Orsola Benincasa, vuole, come anticipano i curatori, “intrecciare attraverso il medium fotografico i diversi mondi creativi accomunati da quella gioia da cui etimologicamente il gioiello deriva, significante di una sensazione impegnativa ed elevata”.

 

 

Presentazione degli artisti

 

Livio Pontieri ha creato i suoi gioielli per la mostra “FORME. I tempo dei gioielli”cercando un contatto intimo con i meandri della Cittadella universitaria, con i suoi materiali costitutivi come il tufo, e con particolari accessori sopraggiunti nel tempo che hanno fatto la storia del luogo, come le lucertole in terracotta che decorano il camminamento interno al muro di clausura o la meridiana che scandisce il tempo dell’educazione femminile del vecchio Magistero. Il bronzo sintetizza le principali tracce dei cavapietre e dei picconi da cava che si incrociano passaggio dopo passaggio, l’argento traduce gli aspetti formali del marmo.

 

Con Leopoldo Repola, architetto, l’attenzione scivola, invece, dalla forma ai processi che sviluppano l’esperienza della formazione. Dopo la scansione 3d è il virtuale labase di partenza per ricreare nuove forme artistiche grazie all’impiego della modulazione software che approda alla realizzazione di un modello in cera e poi del pezzo finito con la fusione di Livio Pontieri. In tale metodologia il progetto e la verifica si alimentano a vicenda, come nei tradizionali cicli di produzione artigianale, ma con un completo controllo dei processi e dell’efficacia dei materiali in funzione della forma.

 

Rosita Caiazzo adopera per i suoi monili vetri di Murano, coralli, turchesi, quarzo rosa, fumé e citrino, onice, corniola, madreperla, agata, occhio di tigre, ambra, elementi metallici come l’ottone; elementi preziosi come oro e argento che creano forme fitomorfe e simboliche. Un tripudio di colore che traduce l’esuberanza espressiva in ornamento puro e sempre elegante.

 

Rosalba Balsamo espone gioielli prodotti con la tecnica del 3d Printing per la sua ultima collezione, mediante la quale vengono creati oggetti tridimensionali da strati di materiali sovrapposti. Una tecnica che rende possibile a creazione di pezzi unici e quasi impossibili da realizzare con le tecniche orafe tradizionali. Il senso è nel passaggio dall’immateriale mondo della tecnologia digitale al mondo reale attraverso forme pure, dai tagli netti e puliti, la sfida è rendere tali oggetti dei gioielli.

 

iL Laboratorio di restauro dei metalli diretto da Daria Catello si serve degli intrecci dell’argento e del rame per generare suggestive trame visive, rivelando dettagli della superficie decorativa e scandendo diaframmi verso canti di mondi diversi.

 24/25/26 settembre: Antonio Petacca – SCALE DI NAPOLI, GIOIELLI DELLA CITTA’
scaleIn occasione dell’iniziativa promossa da Legambiente neapolis 2000 per la valorizzazione della scale di Napoli il designer Antonio Petacca espone all’interno della mostra FORME la sua nuova collezione ispirata alle Scale di Napoli il giorno 25 SETTEMBRE DALLE ORE 10 ALLE 17.

“Le creazioni di Petacca hanno un profumo di storia e di identità.
Nella sue forme ricercate Antonio Petacca ci fa percorrere “Le Scale di Napoli” dando vita a gioielli unici dal sapore partenopeo, riscrivendo e rielaborando gli antichi percorsi pedonali della città. Itinerari affascinanti con pendenti e orecchini dal nome delle più belle scale di Napoli: La Pedamentina, Il Moiariello, Montesanto, La Principessa Jolanda.”
Per ogni gioiello venduto, Antonio Petacca darà un piccolo contributo a Legambiente/Neapolis 2000 per la realizzazione di iniziative volte alla valorizzazione delle Scale di Napoli
http://www.econapolis.org/

Le fotografie di Mario Carotenuto e Mattia Valerio

Il filo rosso della narrazione visiva dei diversi capitoli creativi è intessuto dagli obiettivi fotografici di Mario Carotenuto e Mattia Valerio. La ricerca di assonanze visive tarate sull’ascolto degli stili e la sintonizzazione sul genius loci della cittadella di Suor Orsola restituisce così la storia di “FORME. Il tempo dei gioielli”.

www.mariocarotenuto.com

www.mattiavalerio.com

 

 

 

Info Associazione Laureati ALSOB e Associazione Culturale Locus Iste

http://www.unisob.na.it/alsob

http://www.locusisteblog.wordpress.com

 

Università degli Studi Suor Orsola Benincasa
Ufficio Stampa e Comunicazione
Dott. Roberto Conte
Tel. 081-2522347
Cell. 380-7123104
ufficiostampa@unisob.na.it

 

 

 info: 3472374210
locusisteinfo@gmail.com

locandina forme-settembre

unisob

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,

Vuoi saperne di più, dirci cosa ne pensi o richiedere info? Scrivici un commento qui sotto:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: