Fuoco sacro: da Piazza Sant’Eframo vecchio al Borgo di Sant’Antonio Abate

locandina eframoabate

Un tempo per curare l’affezione cutanea altrimenti detta dal popolino napoletano “fuoco di Sant’Antonio”, i monaci della Chiesa di Sant’Antonio Abate per alleviarne gli effetti erano soliti somministrare una pomata a base di grasso di maiale. Ma poiché quel pezzo di grasso non evitava né la comparsa del morbo, né il conseguente dolore nacque il proverbio: “ Restare co lo lardo dint’ ‘ affiura”, ossia non ottenere affatto uno scopo ritenuto sicuro. Nostro scopo certo sarà, invece, quello di raccontarvi della Chiesa di Sant’Antonio Abate e di quella di Sant’Eframo vecchio.

L’itinerario partendo dalla visita al complesso dei frati cappuccini di Sant’Eframo,  si snoderà attraverso Piazza Carlo III sino al borgo e alla Chiesa di Sant’Antonio Abate, trecentesco polo religioso-assistenziale dalle infinite trasformazioni.

Appuntamento: in Piazza Sant’Eframo vecchio   ore 9.45

Contributo associativo: 6 euro-gratuito fino a 12 anni

Guide: Antonio e Laura

Domenica 11 maggio ore 9,45

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA ENTRO LE ORE 19.00 DEL GIORNO CHE PRECEDE LA VISITA

 LA VISITA SI EFFETTUERA’ AL RAGGIUNGIMENTO DI UN NUMERO MINIMO DI PARTECIPANTI

Per info e prenotazioni

3472374210

locusisteinfo@gmail.com

Annunci

Vuoi saperne di più, dirci cosa ne pensi o richiedere info? Scrivici un commento qui sotto:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: